Hotel Sancelso

La nostra storia,
i nostri valori

Un albergo ecosostenibile in sintonia con la natura circostante

Ecosostenibilità ed energia pulita

L’albergo é stato recentemente ristrutturato con un orientamento decisamente ecosostenibilecoibentazione completa dell’edificio con materiali naturali per un maggiore risparmio energetico, utilizzo di caldaia a pelletlampade a LED e scelta di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili

All’interno dell’hotel, nel salone del bar e biliardo, per il benessere degli ospiti é stato scelto un parquet di altissima qualità biocompatibile, prodotto da Fiemme 3000, che rende salubre l’ambiente interno. Nella maggior parte delle camere vi é invece un parquet in legno rustico, sempre con posa flottante senza utilizzo di colla e con materassino in sughero.

Nell’albergo si effettua la raccolta differenziata e si é ridotto l’uso della plastica in tutti i settori con lo scopo di diventare a breve un hotel “plastic-free”.

Dal 1954 vi accogliamo nella splendida cornice delle Dolomiti

Luce naturale

L’architettura funzionalista del Park Hotel Sancelso permette la massima esposizione giornaliera alla luce naturale.

Ecosostenibilità

Per contribuire alla salvaguardia dell’ambiente abbiamo installato una nuova caldaia a pellet e scelto fonti rinnovabili per produrre l’energia elettrica.

Ecosostenibilità

Il Park Hotel Sancelso é stato recentemente oggetto di una profonda ristrutturazione in senso fortemente ecosostenibile.

Verso il "Plastic Free"

Anche noi ci siamo posti un obiettivo importante: diventare al più presto un albergo “plastic free“. 

Un’architettura differente

L’hotel fu edificato nel 1954 seguendo lo stile architettonico del funzionalismo, una moderna interpretazione degli edifici razionalisti a falda unica, così progettati per avere una massima esposizione al sole a alla luce ed essere aperti verso il paesaggio.

Gli ambienti sono essenziali, pratici ed accoglienti e l’hotel, come molte delle strutture di quegli anni, mostra il proprio ruolo simbolico attraverso un’architettura che ne sottolinea la diversità formale e funzionale rispetto all’ambiente che lo circonda.

Queste caratteristiche si ritrovano in molti interessanti esempi di architettura di montagna, a partire dall’Hotel Campo Imperatore, progettato dall’ing. Vittorio Bonadé Bottino nel 1934 o dalla stazione Albergo al Lago Nero di Carlo Mollino del 1944 oppure l‘hotel e la cappella di Franz Baumann sul Monte Pana e l’innovativo Sport Hotel Cevedale di Gio Ponti in val Martello.

Progetto Hotel Monte Pana, Franz Baumann

Hotel Monte Pana, Franz Baumann

Sport hotel Cevedale, Giò Ponti

Negli anni ’50 Passo Rolle era già una nota ed organizzata località sciistica mentre Bellamonte iniziava ad affermarsi con la costruzione di 3skylift sui primi pendii del monte Viezzena, alle spalle del paese.
In quel periodo fu costruito l’hotel Sancelso con lo scopo di ospitare i ragazzi dell’Istituto San
Celso di Milano durante le vacanze estive ed invernali.


+39 0462576118
Other languages »